ING DIRECT, divisione retail di ING N.V., usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito. Continuando a navigare o selezionando un qualsiasi elemento del sito accetti l’utilizzo dei cookies, anche quelli di profilazione propri e di altri siti con finalità commerciali. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all’utilizzo dei cookies, clicca qui.

× CHIUDI

10 utilissimi siti e app ideati da genitori per genitori

10 utilissimi siti e app ideati da genitori per genitori

“Fare di necessità virtù” dice il detto. È quello che hanno fatto tanti genitori in questi ultimi anni, da quando le applicazioni sono entrate a far parte del nostro quotidiano. Le usano ma le progettano anche. Non si contano, infatti, il numero di app nate per rispondere a bisogni reali e facilitare la vita a mamma e papà.

Dove allattare il bebè
Per quelle mamme che cercano un punto tranquillo dove allattare il proprio bambino è nata l’app BabypittStoppers dove vengono segnalati tutti gli esercizi pubblici che hanno messo a disposizione un angolo accogliente per le neomamme che devono nutrire i loro bebè. Si tratta di una bellissima idea che non poteva non venire in mente a una neomamma, Valeria Miccolis. L’app è direttamente utilizzabile dal sito, senza il bisogno di scaricarla sul telefono.

Dove andare a giocare
Quante volte, durante un viaggio, una gita fuori porta, ci si trova a girovagare alla ricerca di un parchetto dove far svagare un po’ il bambino? Del resto, è giusto che anche lui si diverta dopo aver visitato un museo con mamma e papà. Alla domanda: “Chissà dove sarà un parco giochi qui vicino…” risponde l’app PlayGroundAroundTheCorner che è cresciuta a vista d’occhio grazie al contributo di centinaia di genitori che con le loro segnalazioni arricchiscono la mappa dei parchi giochi nel mondo. Anche qui c’è lo zampino di una mamma, Mary Franzoni – grande appassionata di viaggi – che ha risposto a un suo bisogno con questa utilissima applicazione

Cosa mangiare
MammeMixer è sicuramente tra le più interessanti realtà nel panorama delle app dedicate alla prima infanzia. È stata voluta fortemente da Guidagenitori.it, sito fondato nel lontano 1999 dalla psicoterapeuta Rosalba Trabalzini, madre di due bambine. Questa applicazione è un utile supporto per contrastare il sovrappeso e l’obesità infantile, fornendo dei menù studiati appositamente per fasce d’età da un team di esperti (nutrizionista, pediatra, endocrinologo, gastroenterologo e psicoterapeuta). I menù sono sani, pensati per la crescita dei ragazzi ma sono anche buoni. Nell’app tanti spunti interessanti per mamma e papà sugli alimenti, modi di cottura, informazioni sul mondo del cibo e consigli motivazionali.

Dove andare
Quante volte, prima di prenotare una vacanza, vi siete chiesti: “Questa meta sarà adatta ai bambini?”, “C’è animazione, cose da fare che rispondono alle loro esigenze?”. Ebbene, da sei anni esiste una piattaforma che si chiama Around Family che racconta per filo e per segno itinerari da seguire, recensisce gli alberghi a misura di bimbo, consiglia luoghi dove andare a mangiare.  Una sorta di Tripadvisor per mamme e papà, bella idea!

Dove mangiare in città
Quando si parla di cose da fare e vedere, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Sono tantissime, infatti, le app che segnalano gli eventi dedicati ai più piccoli per risolvere i week-end di mamma e papà. UpMama, per esempio, è un’app voluta fortemente da due mamme – Silvia e Lisa – che con un click ti dice quali siano i locali family friendly presenti in città. Per godersi una buona pizza in tranquillità mentre i bimbi giocano con le animatrici… 

Cosa fare il week-end
Si chiama GoBimbo e la sua mamma invece Ljuba Safaric, una delle tante che dopo la nascita del figlio ha preferito lasciare il lavoro per dedicarsi completamente al nuovo arrivato. Si è trattata di una scelta non facile che però fanno molte mamme che non riescono ad ottenere una riduzione dell’orario di lavoro. Dal frizzante mondo delle agenzie di comunicazione Ljuba si è scontrata anche con la solitudine che spesso circonda una neomamma…da qui è nata la sua app che segnala cosa fare in città e dove trascorrere del tempo libero di qualità con i propri figli. Si inserisce l’età, la zona e il gioco è fatto!

Come salvargli la vita
Quando si parla di auto e di sicurezza, ecco che l’idea è venuta a un papà: Giuseppe Ferrito, un ingegnere colpito come tutti dai tanti casi di bambini dimenticati in auto dai genitori. La sua app si chiama InfantReminder e come dice il nome ricorda al genitore la presenza del bambino nell’abitacolo. L’utilizzo è semplicissimo: basta avviare l’app appena ci si mette in auto e ascoltare gli allarmi sonori e visivi che l’applicazione emetterà durante tutto il percorso impostato (casa-lavoro per esempio). Smetterà solo una volta che avremo disattivato l’app o dopo una decina di minuti dalla nostra destinazione. 

Come sapere cosa fanno
Sempre un papà alla base di una curiosa app già adottata da alcuni asili che preferiscono questa soluzione ai gruppi Whatsapp. Lui si chiama Vincenzo De Negri e ha fondato l’app BabyWeek utilizzata dagli insegnati di asilo nido e materna per dialogare con i genitori e mostrare loro in real time le attività dei piccoli. Il tuo bambino dorme, gioca, mangia? Te lo dice la maestra con l’app.

Come scegliere la scuola
É questo uno degli argomenti che più manda in crisi i genitori che si apprestano a iscrivere i propri figli a un nuovo ciclo scolastico: “Sarà un nido buono?”, “Le maestre sono brave?”, “Che attività si fanno?”, “E le aule, come sono?”. Insomma i dubbi sulle scuole dei bambini sono molteplici, per questo Silvia Esposito ha creduto fin da subito al progetto Mumadvisor dove oggi i genitori possono recensire anche ludoteche, fotografi per l’infanzia,  campus, club sportivi e molto altro.

Come organizzarsi al meglio
Un imprevisto al lavoro e andare a prendere il piccolo diventa un problema? Tranquilli, in futuro ci sarà PickMeApp un servizio di trasporto urbano intelligente, flessibile e sicuro che utilizza minibus ecologici. È ancora in fase beta ma l’idea avuta da un gruppo di genitori già promette bene tanto da aver ricevuto diversi consensi anche dalle istituzioni; sul sito si legge che “Il servizio è adatto a tutti, ma pensato soprattutto per i bambini dai 9 anni in su e per le persone anziane”. I bambini vengono anche dotati di un sistema GPS per non perderli mai di vista durante tutto il percorso.

Unisciti alla conversazione